Al via Disegni +4, bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli industriali, che finanzia con un contributo a fondo perduto l’80% delle spese ammissibili, con un limite massimo di 75.000 € (corrispondenti a 93.750 euro + iva di investimenti complessivi).

Le agevolazioni sono finalizzate all’acquisto di varie tipologie di servizi specialistici esterni per favorire:

  • la messa in produzione di nuovi prodotti correlati ad un disegno/modello registrato (Fase 1 – Produzione)
  • la commercializzazione di un disegno/modello registrato (Fase 2 – Commercializzazione).

 

Le risorse disponibili per l’attuazione della misura ammontano complessivamente a 13.000.000,00 euro. Sarà possibile presentare le domande a partire dalle ore 9:00 del 27 febbraio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Il supporto di Centro Sviluppo Brevetti-CSB

Per Disegni+4 CSB si pone come partner fondamentale, con caratteristiche uniche nel panorama italiano, per sfruttare al meglio questa opportunità.

Ci distinguiamo per:

– AFFIDABILITÀ: nelle ultime edizioni dei Bandi Disegni +4 abbiamo aiutato oltre 40 aziende, in parte direttamente in parte tramite i nostri partner, con una percentuale di successo superiore al 95%,

– COMPETENZA: possiamo offrire la totalità dei servizi necessari per sviluppare un’idea brevettata e quindi ci proponiamo come unico interlocutore dell’azienda,

– ECONOMICITÀ: offriamo il nostro supporto a fronte di un rimborso spese iniziale molto limitato e nessun compenso a successo sui contributi effettivamente concessi (se incaricati di seguire in esclusiva l’intero percorso di sviluppo del brevetto).

Per poter presentare tempestivamente tutta la documentazione, è indispensabile avere formalizzata la richiesta di supporto a CSB entro e non oltre il prossimo 17 febbraio.

Per info e dettagli contattate:

Rubina Finzi – r.finzi@centrosviluppobrevetti.eu

Diego Girelli – d.girelli@centrosviluppobrevetti.eu

Condividi con ...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin